Forum news

Tutte le news e gli argomenti di attualità di cui si parla nel mondo


Non sei connesso Connettiti o registrati

Airbus yemenita precipita nell'Oceano

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Airbus yemenita precipita nell'Oceano il Mar Giu 30, 2009 12:21 pm

Airbus yemenita precipita nell'Oceano
Indiano: 153 morti. Bimbo si salva

A bordo passeggeri da Parigi e Marsiglia: il volo era diretto nelle isole Comore. Già evidenziati difetti del velivolo


SANAA (30 giugno) - Un aereo della compagnia Yemenia è precipitato nell'oceano Indiano con 153 persone a bordo poco prima dell'atterraggio a Moroni, capitale delle isole Comore. Il velivolo, un Airbus A310, era partito dalla capitale yemenita, Sanaa. A bordo si trovavano anche passeggeri provenienti da Parigi e Marsiglia, giunti all'aeroporto di Sanaa su un Airbus 330-200 della stessa compagnia yemenita. Fonti ospedaliere locali hanno detto che un bambino è stato trovato vivo, sarebbe l'unico superstite.

Compagnia aerea: un sopravvissuto. Un funzionario della compagnia aerea Yemenia ha confermato che è stato recuperato un sopravvissuto, ma «Non conosciamo ancora la nazionalità e l'età della persona soccorsa. Siamo solo stati informati del suo recupero», ha precisato Mohammad al-Sumairi, vicedirettore delle operazioni della compagnia di bandiera Yemenia. «Abbiamo recuperato anche tre cadaveri», ha aggiunto.

Individuati già alcuni corpi. Sul volo IY 626 vi erano 11 membri dell'equipaggio e 142 passeggeri, soprattutto cittadini delle isole Comore e francesi. Secondo il quotidiano Le Figaro, sono già stati recuperati alcuni pezzi dell'aereo e sarebbero stati rinvenuti alcuni corpi. «Alcuni cadaveri sono stati visti galleggiare in superficie», ha riferito un responsabile dell'aviazione civile yemenita, Mohammad Abdel Kader, precisando che è stata avvistata una macchia di carburante a circa 17 miglia marine da Moroni, capitale delle Comore. Altre fonti hanno sottolineato che è impossibile «dire se ci siano superstiti».

Collegamenti interrotti prima dell'atterragggio. Il direttore dell'aeroporto di Moroni, Hadji Mohamed Ali, ha riferito che i contatti con l'aereo si sono interrotti cinque minuti prima dell'ora prevista per l'atterraggio. Tutti i mezzi navali delle Comore, ha aggiunto Ali, sono impegnati nelle operazioni di ricerca e soccorso, con l'aiuto d'imbarcazioni giunte dal Madagascar. La Francia ha deciso l'invio di navi e aerei per partecipare all'operazione.

I passeggeri avevano cambiato Airbus all'aeroporto della capitale yemenita, Sanaa. Lo riferiscono fonti aeroportuali francesi. I 142 passeggeri erano decollati ieri da Roissy, poi dopo lo scalo a Marsiglia e l'arrivo a Sanaa sono saliti a bordo di un A310. L'aereo è poi decollato diretto verso Gibuti, e Moroni, nelle isole Comore.

L'incidente aereo avviene un mese dopo la tragedia occorsa ad un Airbus A330 dell'Air France, precipitato il primo giugno nell'Oceano Atlantico con 228 persone a bordo, fra cui dieci italiani. L'aereo della compagnia francese era in volo fra Rio de Janeiro e Parigi. Ancora non sono state stabilite le cause del disastro.

Farnesina: nessun italiano. Non ci sarebbero italiani a bordo dell'aereo precipitato. L'Unità di crisi del Ministero degli Esteri si è infatti immediatamente attivata e, al momento, non risulterebbe la presenza di alcun connazionale, anche se il lavoro di controllo continua.

Le cattive condizioni del tempo potrebbero essere all'origine dell'incidente dell'Airbus : è quanto ha sostenuto il segretario di Stato francese ai trasporti, Dominique Bussereau, parlando a radio Europe 1. «Si parla di cattive condizioni meteorologiche, ma per il momento è poco chiaro e bisogna essere prudenti, visto che tutte queste informazioni non sono state ancora verificate», ha aggiunto. Bussereau ha anche detto che «si parla di un avvicinamento, di una ripresa di velocità, poi di un nuovo avvicinamento che sarebbe stato mancato».

Parigi: difetti sull'aereo precipitato. La compagnia aerea Yemenia era «molto controllata» dalle autorità francesi, e «numerosi difetti erano stati rilevati» sull'aereo precipitato al largo delle Comore. Lo ha detto il segretario di Stato francese ai trasporti, Dominique Bussereau, sulla tv I-telè, parlando del incidente dell'A310. «Quell' A310 era stato controllato nel 2007 dalla Direzione generale dell'aviazione civile in Francia ed erano stati rilevati un certo numero di difetti», ha detto Bussereau, aggiungendo che «da allora l'apparecchio non è più riapparso nel nostro paese». I passeggeri erano decollati ieri dal'aeroporto parigino di Roissy con un A330, poi c'è stato uno scalo a Marsiglia e quindi a Sanaa, nello Yemen, dove avevano cambiato apparecchio salendo a bordo dell' A310. L'aereo era poi partito verso Gibuti, e Moroni, nelle isole Comore.

Aereo in fiamme. L'aereo era in fiamme prima di inabissarsi, lo ha detto all'agenzia di stampa Dpa un portavoce del governo delle Comore, Abdourahim Said Bacar, citando «una testimone che ha raccontato di aver visto fiamme provenire dall'aereo prima che precipitasse in mare». La donna vive in un villaggio sulla costa sorvolato dall'Airbus A-310 dopo il primo tentativo fallito di atterrare all'aeroporto di Moroni, dove imperversavano venti fortissimi.

il Messaggero

Visualizza il profilo http://16sdm8-ldpb16.forumattivo.com

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum