Forum news

Tutte le news e gli argomenti di attualità di cui si parla nel mondo


Non sei connesso Connettiti o registrati

Roma, striscione contro G8

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Roma, striscione contro G8 il Mer Lug 08, 2009 12:56 pm

Roma, striscione contro G8: 5 fermati
Blitz al ministero dell'economia

Azione dimostrativa alla Bocca della Verità. Proteste anche a Torino e Firenze. All'Aquila scritta Yes we camp!


ROMA (8 luglio) - Proteste in tutta la penisola contro il G8 dell'Aquila. Riflettori puntati su Roma, città blindata a poche ore dal summit. Da ieri la capitale è scossa da manifestazioni di dissidenti.

Fermati 5 stranieri a piazza di Spagna. Cinque no global, quattro francesi ed un greco, sono stati fermati dalla polizia questa mattina a piazza di Spagna, a Roma, mentre stavano esponendo uno striscione contro il G8, che ha preso il via questa mattina all'Aquila. Sullo striscione sequestrato appariva la scritta in inglese: «Fermate il clima freddo. Berlusconi può fermarlo quando vuole». I cinque sono stati portati al commissariato per essere identificati.

Blitz davanti al Ministero dell'Economia. In via XX Settembre a Roma la seconda giornata di mobilitazioni dei No G8 ha messo in atto un blitz. Alcune decine di manifestanti hanno aperto striscioni con le scritte «G8-Fmi-Banca Mondiale, chi saccheggia e devasta siete voi» e «Il G8 è un terremoto, siamo tutti aquilani». I manifestanti, con caschi gialli e bianchi, hanno anche esposto cartelli con la scritta «Indebitati di tutto il mondo unitevi» e hanno sistemato volantini sui parabrezza delle auto. Sul posto è subito intervenuta la polizia, che si è schierata in tenuta antisommossa. Alcuni contestatori hanno coperto il volto con l'immagine del presidente Usa Barack Obama. Molti gli slogan contro il ministro italiano dell'economia Giulio Tremonti e contro la crisi.

Arresto per due manifestanti fermati ieri a Termini. Sono stati arrestati in nottata due dei quattro manifestanti fermati ieri sera dalla polizia di durante i disordini alla stazione Termini. Si tratta di un italiano e uno spagnolo che fanno salire a 10 il numero complessivo degli arrestati nella giornata di ieri.

Sono circa 3mila gli agenti della polizia impiegati nella capitale, negli aeroporti e sulla Roma-L'Aquila per vigilare sul G8. Il dispositivo di sicurezza prevede anche l'invio di immagini in diretta alla questura riprese dall'elicottero che sorvola Roma. Il reparto Nocs della polizia è impegnato a scortare il presidente Usa Obama, che dopo il colloquio con Giorgio Napolitano al Quirinale tornerà all'Urbe per decollare in elicottero per l'Abruzzo.

Bocca della Verità: «I grandi cucinano la terra». I leader del mondo in versione chef cucinano a fuoco lento la terra. È l'azione dimostrativa «I leader del g8 cucinano il pianeta, serve una ricetta per fermare i cambiamenti climatici», andata in scena questa mattina nei pressi della Bocca della Verità. A organizzarla Oxfam International, gruppo di ong che combattono la povertà, e la ong di cooperazione allo sviluppo Ucodep.

Torino: 6 anarchici fermati. Soldi finti cosparsi di passata di pomodoro sull'ingresso dell'Unione industriale di Torino, simbolo del legame fra il potere economico e «il sangue, la sofferenza, la schiavitù dei miliardi di esseri umani vittime delle politiche degli 8 criminali che si riuniscono all'Aquila». E' l'azione messa in atto stanotte da un gruppo di anarchici torinesi. In particolare si tratta di sei appartenenti alla Fai torinese, che i carabinieri del Nucleo operativo hanno fermato e denunciato per danneggiamento.

È accaduto intorno alla mezzanotte quando gli anarchici hanno sparso decine di mazzette di soldi fotocopiati, finte banconote da 20, 50 e 100 euro e sacchetti di monetine false, circondandoli di una pozza sangue-pomodoro, sulla porta dell'Unione industriale di via Fanti. I carabinieri hanno riconosciuto alcuni di loro e la loro auto, una Fiat Doblò: li hanno lasciati agire, per poi accompagnarli in caserma, dove sono stati trattenuti in stato di fermo per qualche ora, e poi denunciati per danneggiamento. I militari stanno valutando eventuali altre contestazioni.

Firenze: una cinquantina di studenti occupano rettorato. Un gruppo di circa 50 studenti della rete dei collettivi ha occupato stamani il rettorato dell'ateneo fiorentino interrompendo la seduta del senato accademico. L'occupazione, come spiegano gli studenti, parte dalla protesta contro gli arresti decisi dalla procura di Torino due giorni fa, e contro la «repressione» in atto che ieri ha portato la polizia a fermare, a Firenze, cinque giovani antagonisti, che sarebbero stati diretti a Roma per partecipare alle manifestazioni di protesta contro il G8, «rilasciati solo ieri sera alle 21». «Liberi tutti, Liberi subito, la lotta non si arrestà», è uno degli slogan scritti nella nota con la quale gli studenti confermano l'occupazione Davanti al rettorato c'è anche un presidio di giovani: non tutti i manifestanti, infatti, sono riusciti ad entrare all'interno dato il presidio delle forze dell'ordine.

L'Aquila: maxi scritta di protesta. “Yes we camp!”, recita la grande scritta di protesta, con lettere di plastica, che alcuni comitati cittadini hanno sistemato sulla collina di Roio che domina l'autostrada A24 dell'Aquila. «La gente pensa che la ricostruzione sta procedendo liscia, che gli aquilani sono già tornati nelle loro case e invece siamo tutti accampati, a tre mesi dal sisma», dice Mattia Lolli, del Comitato 3e32. I manifestanti, alcune decine di giovani, sottolineano che non ce l'hanno con il G8, ma che la loro «battaglia» è finalizzata esclusivamente a informare l'opinione pubblica «che le cose all'Aquila non vanno come dicono, perchè la ricostruzione non è mai partita, e, sotto le tende, le persone più anziane stanno morendo».

Il Messaggero

Visualizza il profilo http://16sdm8-ldpb16.forumattivo.com

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum