Forum news

Tutte le news e gli argomenti di attualità di cui si parla nel mondo


Non sei connesso Connettiti o registrati

Honduras sostenitori di Zelaya sfidano coprifuoco

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Honduras, migliaia di sostenitori
di Zelaya sfidano coprifuoco

Riunione d'urgenza del Consiglio dell'Onu


TEGUCIGALPA (29 giugno) - L'Assemblea generale delle Nazioni unite si riunisce d'urgenza oggi per esaminare la situazione politica in Honduras, dove il presidente Manuel Zelaya è stato destituito e costretto a partire per il Costa Rica da un golpe militare. Migliaia di sostenitori di Zelaya sfidano il coprifuoco di due giorni imposto dal nuovo capo dello Stato designato Roberto Micheletti, protestando sotto il palazzo presidenziale di Tegucigalpa.

Unanime la condanna internazionale al colpo di Stato, conseguenza del tentativo di Zelaya di modificare la Costituzione per potersi ricandidare. «Obama, ci sei tu dietro questo?», ha chiesto dopo il suo arresto Zelaya al presidente americano; subito la smentita della Casa Bianca.

Manuel Zelaya è arrivato in Nicaragua dove ha ottenuto la solidarietà dei paesi dell'Alternativa bolivariana delle Americhe (Alba). Ad attenderlo all'aeroporto di Managua vi erano i suoi colleghi del Nicaragua, Daniel Ortega, del Venezuela, Hugo Chavez, l'Ecuador, Rafael Correa, e il ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodriguez. Nella giornata di oggi è previsto l'arrivo del presidente messicano Felipe Calderon. Zelaya si è poi riunito in un albergo di Mangua per esaminare gli sviluppi della situazione nel suo paese assieme ai colleghi dell'Alba, che hanno dichiarato di non voler riconoscere nessun governo frutto del golpe in Honduras. A Tegugicalpa in parlamento hionduregno ha intanto nominato nuovo presidente del paese Roberto Micheletti, presidente dell'assemblea legislativa. La costituzione prescrive che se il presidente è impossibilitato ad esercitare le sue funzioni, subentra il vice. Ma questi ha rifiutato.

Fidel: i golpisti non hanno salvezza. I golpisti dell'Honduras, «che neanche respirano senza l'appoggio degli Stati Uniti», non hanno «alcuna salvezza» dopo il colpo di Stato nel quale «ci sono stati avvenimenti nettamente fascisti»: lo ha detto l'ex presidente Fidel Castro in un articolo pubblicato oggi su internet. «I golpisti, rinchiusi e isolati, non hanno alcuna salvezza se si fa fronte al problema con fermezza», scrive Castro, che aggiunge che «perfino la signora Clinton ha dichiarato che Zelaya è l'unico presidente dell'Honduras». «In pigiama fino a poche ore fa - continua il testo di Castro - Zelaya sarà riconosciuto dal mondo come l'unico presidente costituzionale dell'Honduras». I golpisti «prima hanno messo in atto un inqualificabile colpo militare e dopo lo hanno legalizzato», prosegue l'ex presidente cubano affermando che «i cospiratori sono stati ridicoli davanti il mondo» quando la Camera ha detto che Zelaya «aveva rinunciato presentando una firma falsificata». «Ci sono stati avvenimenti di carattere nettamente fascista, i quali, anche se attesi, stupiscono».

il Messaggero

Visualizza il profilo http://16sdm8-ldpb16.forumattivo.com

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum